You are currently browsing Fabio’s articles.

Si svolgerà domenica 26 settembre a Magreta (MO) la prima coppa Fabio Nicolini organizzata dall’u.s. Formiginese.

La manifestazione prevede ben 5 gare nella giornata, esordienti primo e secondo anno la mattina, e al pomeriggio donne esordienti, donne allieve e a concludere gli allievi maschi.

Con questa manifestazione la u.s. Formiginese aderisce a Zona Nicolo.

Il percorso di Gara con evidenziata in rosso la Zona Nicolò

Annunci

Andiamo a segnalare le nuove adesioni di due società a Zona Nicolò.

La s.c. Cavriago (RE) ha aderito a Zona Nicolò nell’organizzazione del G.P. Arci Cella domenica 13 giugno. Ottima organizzazione e buona la soluzione adottata per la protezione dei ragazzi durante il riscaldamento in una gara in cui, con l’interessamento della SS9 via Emilia, non era semplice predisporre un percorso chiuso al traffico prima della partenza: grande dimostrazione di buona volontà.

La a.s.d. Fausto Coppi (FC), grazie al coinvolgimento del Comitato Regionale, ha annunciato la volontà di aderire a Zona Nicolò nell’organizzazione dei Campionato Regionali categoria Esordienti che si svolgeranno domenica 20 giugno a Cesanatico (FC). Sarà l’occasione per far conoscere ed apprezzare la Zona Nicolò a tutte le società dell’Emilia Romagna.

Siamo giunti oggi in possesso di questo bel articolo di Alberto Dallatana pubblicato dopo la gara di Rubiera sulla Gazzetta di Parma:

La Gazzetta di Parma 24/05/2010

Il Resto del Carlino 24/05/2010

Il pannello Zona Nicolò per l'adesione all'iniziativa da parte della Ciclistica 2000 Litokol

Il pannello Zona Nicolò per l'adesione all'iniziativa da parte della Ciclistica 2000 Litokol

Grande successo organizzativo per la Ciclistica 2000 – Team Bike 2000 che nella giornata di domenica 23 maggio ha perfettamente allestito la 24° edizione del Trofeo Commercio, Industria ed Artigianato a Rubiera.

La manifestazione ha dato già da subito segno di grande importanza presentando al via oltre 300 atleti nelle due gare della giornata: allievi al mattino e juniores al pomeriggio.

La Ciclistica 2000 – Team Bike 2000 Litokol, con il grande sostegno dell’amministrazione comunale e delle forze dell’ordine, con questa manifestazione hanno aderito all’iniziativa “Zona Nicolò”.

La Ciclistica 2000, ha infatti predisposto un circuito di tre chilometri dedicato alla fase di riscaldamento e completamente chiuso al traffico già un’ora prima della partenza della gara. Inoltre, secondo quanto previsto dalle linee guida di Zona Nicolò, sempre con un’ora di anticipo, aveva predisposto la sorveglianza  agli incroci e la presenza del medico e dell’ambulanza.

Erano presenti domenica mattina il sindaco di Rubiera Lorena Baccarani e l’assessore allo sport Federico Massari per verificare alla perfetta riuscita di Zona Nicolò, e per rendere il giusto omaggio alla società organizzatrice degli sforzi profusi per mettere in campo la manifestazione.

Tutto si è svolto regolarmente ed atleti e dirigenti, stupiti di questa novità, hanno apprezzato il circuito della Zona Nicolò.

Un piccolo segnale di inizio che vuole essere un invito a tutte le società che organizzano gare giovanili a non trascurare ogni aspetto della sicurezza.

24° Trofeo Commercio e Industria Rubiera - Il Percorso e la Zona Nicolò

24° Trofeo Commercio e Industria Rubiera - Il Percorso e la Zona Nicolò

Tutti coloro che domenica scorsa erano a Novi di Modena per 14 G.P. Artigianato e Commercio hanno potuto vedere questo cartello presso la sede di giuria:

Piccoli organizzatori crescono...

Piccoli organizzatori crescono...

…questa è la dimostrazione che la sensibilità nei confronti della sicurezza non è affare per pochi, e che non è necessario un grande “impegno” organizzativo, ma solo buona volonta!

Complimenti alla Novese di Novi (MO) che ha aderito all’iniziativa!

Fabio Tondelli del comitato promotore di Zona Nicolò spiega l'iniziativa alla platea.

Fabio Tondelli del comitato promotore di Zona Nicolò spiega l'iniziativa alla platea.

Si è svolta ieri, giovedì 13 maggio, presso il teatro herberia di Rubiera la prezentazione ufficiale di Zona Nicolo: un’iniziativa che nasce da un gruppo di persone operanti da anni nel ciclismo spinti dalla passione e dalla volontà di migliorare un aspetto criticamente importante: la sicurezza dei ragazzi e la regolamentazione del traffico stradale durante quel pericoloso periodo, spesso sottovalutato, che è il riscaldamento prima della gara.
Alla serata erano presenti molte autorità istituzionali: a fare gli onori di casa il sindaco di Rubiera Lorena Baccarani e l’assessore allo sport Federico Massari oltre ai rappresentati delle forze dell’ordine. Erano poi presenti molte personalità federali: Davide Balboni presidente del Comitato Regionale dell’Emilia Romagna della FCI, Ivano Prandi vicepresidente del CONI di Reggio Emilia, Raimondo Soragni responsabile della commissione nazionale sulla sicurezza della FCI, Silvano Antonelli presidente del gruppo progetti scorta, Marco Gianotti presidente della commissione regionale giudici di gara, e molti altri.
La presentazione è avvenuta in un clima molto collaborativo e dagli interventi dei presenti è spiccata, da parte di tutte le parti in causa, la forte colontà di voler collaborare per conseguire un importante risultato, quella della sicurezza pregara, difficilmente raggiungibile senza una stretta collaborazione, concretizzata nell’intervento del presidente Balboni con il desiderio di informare in modo capillare le società organizzatrici attraverso un idoneo spaziosul sito web del CRER, e nell’intervendo di Soragni che si è offerto di farsi portavoce dell’iniziativa al consiglio nazionale per la sicurezza della FCI che si svolgerà nei prossimi giorni a Roma.
Per la neonata Zona Nicolò manca ormai solo il debutto che avverrà domenica 23 Maggio con l’organizzazione della prima gara aderente all’iniziativa: il 24° Trofeo Commercio Industria ed Artigianato di Rubiera organizzato dalla Ciclistica 2000 Litokol.

Da sinistra Fabio Tondelli del comitato promotore di Zona Nicolò, accanto a lui il sindaco di Rubiera Lorena Baccarani, l'assessore allo sport Federico Massari, Ivano Prandi vicepresidente del CONI di Reggio Emilia, Davide Balboni presidente del comitato regionale dell'Emilia Romagna della FCI e Silvano Antonelli che espone al pubblico.

Da sinistra Fabio Tondelli del comitato promotore di Zona Nicolò, accanto a lui il sindaco di Rubiera Lorena Baccarani, l'assessore allo sport Federico Massari, Ivano Prandi vicepresidente del CONI di Reggio Emilia, Davide Balboni presidente del comitato regionale dell'Emilia Romagna della FCI e Silvano Antonelli che espone al pubblico.

Qui è possibile vedere il servizio della trasmissione UltimoKm.

Si terrà giovedì 13 maggio alle ore 21:00, presso il Teatro Herberia in piazza Gramsci a Rubiera (RE), la presentazione ufficiale dell’iniziativa Zona Nicolò.

Alla serata saranno invitati gli organi istituzionali, federali e di pubblica sicurezza che concorrono alla sicurezza nelle gare ciclistiche, oltre alle società attive nel panorama giovanile.

Tutte le società e gli amici appassionati di ciclismo sono invitati a partecipare.

In attesa della definizione della serata di presentazione ufficiale di Zona Nicolò, mostriamo un esempio concreto che verrà messo in campo dalla Ciclistica 2000 domenica 23 maggio nel 24° Trofeo Commercio Industria ed Artigianato: nell’immagine potete vedere il percorso della gara e la Zona Nicolò, dove i ragazzi potranno fare riscaldamento in sicurezza già 60 minuti prima della corsa.
24° Trofeo Commercio e Industria Rubiera - Il Percorso e la Zona Nicolò

Era il 29 giugno 2008, la giornata era calda e il giovane Nicolò Ferrari di 12 anni, insieme ai suoi compagni di squadra, si stava riscaldando in preparazione alla gara che stava per iniziare. Nicolò non sapeva che a quella corsa non avrebbe mai partecipato, da li a poco perse la vita travolto da un camion che transitava sul percorso di gara. A quasi due anni di distanza il processo è ancora in corso, ma il lato più inquietante della vicenda è che ogni settimana decine di gare ciclistiche sono organizzate ancora senza adeguate precauzioni a salvaguardia dei giovani atleti durante le fasi di riscaldamento.

“Zona Nicolò” è un’iniziativa nata da un gruppo di persone che operano nel ciclismo spinti dalla passione e dalla volontà di migliorare un aspetto criticamente importante: la sicurezza dei ragazzi durante quel periodo spesso sottovalutato che è il riscaldamento prima della gara. Attraverso il proprio marchio, l’iniziativa “Zona Nicolò” vuole identificare, dandone ampio risalto, quegli organizzatori che mettono in campo azioni concrete a salvaguardia dei ragazzi, in particolar modo per le categorie esordienti, allievi e juniores.

Le Società organizzatrici potranno richiedere ed utilizzare il marchio con la dicitura “Zona Nicolò” attuando le seguenti precauzioni richieste:
1- chiusura al traffico del circuito di gara o di un percorso alternativo adatto al riscaldamento (dietro ordinanza della Prefettura del comune di competenza ), con la presenza del personale addetto al servizio agli incroci, del medico e dell’ambulanza, almeno 60 minuti prima della partenza.
2- nel caso della categoria esordienti con gare separate, per i ragazzi del secondo anno dovrà essere individuato un percorso alternativo al circuito di gara, adatto al riscaldamento e chiuso al traffico, con presenza del personale di servizio agli incroci.
3- il personale addetto al servizio dovrà essere informato su come regolamentare il traffico stradale durante il periodo di chiusura, e dovrà indirizzare gli atleti verso il percorso protetto per il riscaldamento.

Molte altre iniziative possono essere integrate per migliorare ulteriormente la sicurezza: alcuni organizzatori particolarmente virtuosi ad esempio informano i residenti attraverso il volantinaggio casa per casa lungo le strade interessate dal percorso di gara già alcuni giorni prima; al meglio non c’è mai limite!

“Zona Nicolò” vuole essere uno strumento che punta alla sicurezza dei giovani atleti attraverso la collaborazione e la condivisione delle esperienze di molti organizzatori ed operatori del settore, diffondendo una pratica che diventi di uso comune e auspicando una regolamentazione da parte delle strutture federali.